Fifa 20: Didier Deschamps

Prediction Icon numero 31 targata FutXFan, oggi riflettori puntati su Didier Deschamps.

Didier Deschamps è stato uno dei calciatori francesi che nel biennio 1998/2000 riuscì nell’impresa Mondiale/Europeo, oltre a questo nella recente carriera da allenatore ha condotto la propria nazionale, la Francia, alla vittoria del Campionato Mondiale disputatosi nel 2018 in Russia.

Nantes

Nel 1983, all’età di 15 anni viene notato da uno dei talent scout del Nantes, che convinto dalle ottime prestazioni durante un torneo, decide di proporlo alla dirigenza, il quale gli fa firmare un accordo per averlo nelle proprie fila. Solo due anni dopo viene promosso in prima squadra e poco dopo fa il suo esordio nella Ligue 1. Quattro anni con la maglia del Nantes tra i professionisti, nessun trofeo, ma una grande esperienza accumulata e ottime impressioni da parte di tutti, non a caso Platini, infatti, lo convocò per la prima volta con la Nazionale. Nel 1989 Deschamps viene contattato dall’Olympique Marsiglia, opportunità che  non si lascia sfuggire. Nei 5 anni da professionista, nel Nantes, colleziona 111 presenza con 4 goal

Olympique Marsiglia

La prima annata nel nuovo club non offre grandi opportunità a Deschamps, che spesso si ritrova in panchina, disputando solamente 17 gare, con la maggior parte di esse partendo dalla panchina. Nonostante la vittoria del campionato viene girato in prestito al Bordeaux, squadra che sancirà la svolta decisiva nella sua carriera. Pedina fondamentale di quella squadra continua ad accumulare esperienza, per finalmente tornare al Olympique Marsiglia dove ora è pronto a diventare protagonista delle nuove stagioni. Così dopo il suo ritorno vince il primo campionato da protagonista, per poi ripetersi l’anno successivo nella stagione 1992/1993, nonostante il campionato più avanti verrà revocato a causa di una frode sportiva. L’anno però ancora non è finito e da capitano Didier Deschamps trascina la propria squadra alla vittoria della Champions League. Per la prima volta una squadra francese alza questo trofeo. Nella stagione successiva Deschamps abbandona la propria squadra, in quanto viene retrocessa a causa della vicenda di corruzione, dunque il francese cerca nuovi stimoli e campionati più difficili nella quali misurarsi. Arriva la chiamata della Juventus che Deschamps prende al volo. La sua avventura francese finisce con 123 presenze e soli 6 goal, ma questi ultimi non una delle specialità del francese.

Juventus

L’esperienza italiana di Didier Deschamps non inizia nei migliori dei modi, perché subisce un grave infortunio che lo tiene lontano dal terreno di gioco per quasi metà stagione, ma la squadra fa bene e con il suo ritorno diventa uno dei pilastri insieme a Paulo Sousa, così i bianconeri riescono a portare a casa campionato e Coppa Italia. L’unica amarezza della stagione sarà dovuta alla sconfitta in Coppa Uefa in finale contro il Parma. Nella stagione 1995/1996, non c’è il campionato da aggiungere al palmares del giocatore, ma la Champions League, la sua seconda, battendo nella lotteria dei rigori l’Ajax. Oltre a questo, sempre nello stesso anno vincerà la Supercoppa Italiana. Deschamps e la Juventus non si fermano più continuano ad accumulare vittorie e trofei infatti nel 1996/1997 portano a casa Coppa Intercontinentale, Supercoppa Uefa e Campionato. Manca all’appello solo la Coppa dalle grandi orecchie che va in Germania in casa del Borussia Dortmund che batte la Juventus in finale per 3 reti a 1. Passa un altro anno e ancora un campionato e una Supercoppa Italiana in casa della Juventus e Deschamps. Sta per giungere al termine l’esperienza del francese in maglia bianconera, perché dopo essere stato rilegato in panchina è protagonista di un’accesa lite con il proprio allenatore che quindi chiede di vendere il giocatore. Così nel 1999 Deschamps si accorda con il Chelsea. Dalla Juventus va via con un palmares arricchito di una marea di trofei, il tutto in sole 124 presenze con 4 goal spalmati in 5 anni di esperienza italiana.

Chelsea

Una delle ultime apparizioni nei campi da calcio, in quel di Londra, una sola stagione coniata con 27 presenze, ma nessun segno incisivo e la sola FA Cup da aggiungere al palmares. Finisce la stagione e Deschamps cambia casa, nuova squadra e nuovo campionato, il Valencia così nel 2000 presenta il francese ai suoi nuovi tifosi.

Valencia

In Spagna rimane più in infermeria che in campo, infatti Didier Deschamps alla fine della stagione decide di dire basta e così nell’estate del 2001 il giocatore francese dice addio al calcio giocato.

Nazionale

L’esperienza nella nazionale francese per Didier Deschamps parte da giovanissimo, grazie alla prima convocazione da parte di Michel Platini. Dopo un paio d’anni sempre da titolare nella propria nazionale Deschamps nel 1996 ne diventa anche il capitano. La Francia sta rinascendo con tanti giovani ed è prontissima a fare bene nel mondiale che disputerà in casa. Le premesse sono quelle giuste e alla fine del torneo la Coppa del Mondo viene sollevata dai padroni di casa delle Francia. Oltre questo due anni dopo nell’Europeo ancora Deschamps e la Francia portano a casa la competizione. Grazie a questo doppio successo la Francia è la seconda squadra che riesce nell’impresa Mondiale/Europeo. Diventa il primo giocatore a tagliare il record delle 100 presenze con la propria nazionale e il 2 settembre 2000 disputa la sua ultima partita con essa. I numeri di Deschamps con la propria nazionale dicono 103 presenze e 4 reti.

Ecco la nostra prediction icon per Didier Deschamps.

Fifa 20: Didier Deschamps

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento!
Nome